Flat Preloader Icon Loading page....

Amo questo genere perché mi consente di entrare in empatia chi fotografo. Non che gli altri non lo consentano ma il ritratto consente, nel rispetto delle distanze di sicurezza, di avvicinarsi molto al soggetto, percepirne il respiro e che lui/lei percepisca il mio. Di questa scelta (orientarmi sul viso) devo ringraziare chi, nel 2013 (durante un incontro di letture di portfolio) mi consigliò di puntare su di esso e l’anno dopo si complimentò con me con i traguardi raggiunti in appunto un anno: EOLO PERFIDO. Certo poi sono seguite le COLLABORAZIONI ed i PROGETTI, ma in molti casi il filo conduttore (il volto del soggetto) è sempre rimasto in primo piano, non solo nei tagli delle foto MA ANCHE (e soprattutto) nella ricerca di far provare a chi vedeva le mie foto la stessa emozione provata mentre la facevo io.

Figlia di questa sezione c’è quella dei BOOK realizzati: contiene, dopo averle concordate con la persona ritratta, alcune delle foto che anche lei usa con le agenzie, così da mostrare le sue diverse sfaccettature.

Ti è piaciuta questa pagina? Did You like this page?

Voto medio - Average Vote 0 / 5. Voti totali - Total votes 0

Nessun voto ancora, sii la prima persona a farlo - No votes yet, be the first!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *